Anche questa è storia (storia sempre un po nascosta dai comunisti)

011_MGzoomimages6AJU04OEsmall_110209-085605_to071008sto_0004

Nilde-Iotti

(foto di  Foto di Togliatti e la Nilde Iotti ,la sua “amante” che rimase in cinta e dovette abortire alla chetichella perché Togliatti era ancora sposato. Dopo la sua morte   la Iotti divenne onorevole  poi Presidente della Camera)  .            

Nilde Iotti :Nel 1946 viene candidata dal Partito Comunista Italiano e viene eletta all’assemblea costituente.Nello stesso anno inizia a Roma una relazione con il Segretario Nazionale del PCI, Palmiro Togliatti, di 27 anni più anziano (già marito di Rita Montagnana e padre di Aldo), che terminerà soltanto con la morte del leader comunista, nel 1964. Il loro legame diviene pubblico nella contingenza dell’attentato del 1948. Togliatti lascia per lei moglie e figlio, decisione che fu dura da accettare per i militanti del PCI. Insieme chiesero e ottennero l’affiliazione di una bambina orfana, Marisa Malagoli, sorella minore di una dei sei operai uccisi in uno scontro con le forze dell’ordine il 9 gennaio 1950, a Modena, nel corso di una manifestazione operaia

Togliatti:   “il Migliore”  (si voleva far chiamare così).Durante il Congresso  del Partito Comunista Sovietico, che si tenne  dal 16/6 al 13/7/1930 disse  (ci sono gli atti scritti se non ci credete): ” E’ motivo di particolare  orgoglio  per me l’aver  abbandonato  la cittadinanza italiana per quella sovietica. Io non mi sento  legato  all’Italia  come alla mia patria ,ma mi sento  cittadino  del mondo, di quel mondo  che noi vogliamo  vedere  unito  attorno  a Mosca  agli ordini  del compagno Stalin, E’ per me  motivo di particolare orgoglio  aver rinunciato  alla cittadinanza  italiana perché come italiano  mi sentivo  un miserabile  mandolinista  e nulla più. Come cittadino sovietico  sento  di volere  diecimila volte  di più del migliore  cittadino italiano”

(pagina 185 del resoconto  stenografico  del suddetto congrresso)

Ecco perché fece fucilare  nella guerra di Spagna gli  italiani  che combattevano con Franco   e i giovani soldati italiani nella guerra di Russia . Dicendo che erano soltanto miserabili fascisti ….. . Eppure questo uomo è stato idolatrato in Italia ,ha fatto politica, è stato dentro le istituzioni e nei governi, ha fatto i soldi come un un piccolo Zar ,sia in Russia che in Italia .Ma lui diceva di vergognarsi di essere italiano…….