La GRAVE bellezza….

142428L’Italia è a un passo dall’ABISSO e a due dalla RINASCITA .Il Terrore  che ci PARALIZZA  nasce  dal forte RISCHIO  che per andare  verso la rinascita  si deve e si possa CADERE nel BARATRO :Perciò temiamo le TERAPIE d’URTO dopo averle ACCAREZZATE. Tra il CORAGGIO e l’IMPREVIDENZA  il passo è troppo  breve  e non OSIAMO  farlo; ma se 1425695_585747078164156_1635769708_nRESTIAMO IMMOBILI  la ROVINA AVANZA.Se fotografi l’Italia  da LONTANO , la didascalia  più adatta è una :la GRAVE BELLEZZA ,con una copiosissima infiltrazione  dovuta dal nostro buonismo per gli  IMMIGRATI che  tra poco ci SOFFOCHERA’ , mandando i nostri figli e nipoti  all’estero per lavorare abbandonando l’ITALIA ai  NUOVI VENUTI .Volete la GROSSOLANA VERITA’ VISIVA DI TUTTI I GIORNI NELLA SANITA’:LA SANITA’ E’ RIMASTA COME PRIMA ,MA SONO AUMENTATI  IN DISMISURA GLI IMMIGRATI E PER FARSI SOLTANTO UNA SEMPLICISSIMA VISITA O UNA SEMPLICISSIMA LASTRA CI SI METTE ALL’INCIRCA SEI MESI. TUTTE LE   FAMIGLIE EXTRACOMUNITARIE  ENTRATE ILLEGALMENTE , HANNO ALMENO DUE FIGLI NATI IN ITALIA E IL,TERZO ANCORA DENTRO LA PANCIA ,HANNO AIUTO E SUSSIDI .LE NOSTRE FAMIGLIE NON HANNO UN CAZZO ,QUALCHE VOLTA NON SI POSSONO PERMETTERE NEMMENO UN SOLO FIGLIO  O SI POSONO SPOSARE PER CARENZE DI ALLOGGI ABITATIVI:QUESTA  E’ LA   GRAVE BELLEZZA ITALIANA.. L’Italia versa in gravi  condizioni  di bellezza .La gravità è sotto gli occhi di tutti, la bellezza pure. Nella gravità  c’è la sua malattia ,il suo presente ,il suo stato d’animo ,la sua vecchiaia  irrefrenabile. Nella bellezza  c’è la sua civiltà , la sua arte ,le sue città offese e contaminate da zingari e rom che la fanno da padroni e il suo paesaggio sta degradando. Siamo inondati dalla retorica  della grande bellezza, in attesa dell’oscar  di cartapesta, ne parlano tutti da Fazio a Renzi ,anche dalla Littizzetto tra una parolaccia e l’altra, lo fa anche Grillo con i suoi vaffanculi. Invece della bellezza avanza il brutto e il tetro grazie ai nostri politici, banchieri, rotti in culo, lecca piedi e le caste che si pippano i nostri soldi. Questa  è la nostra  tragedia  economica, sociale e metafisica. La scommessa  è muovere la bellezza, Baciare  Biancaneve, per suscitarla  dell’incantesimo e  mandare in pensione i sette nani. Ma anche tutti questi politicanti che hanno fatto tantissimi soldi  con le nostre lacrime di sudore, togliendoci lavoro e dignità.