E’ molto difficile far diventare gli ITALIANI patriottici.Ora più che mai che sono al POTERE i Comunisti che schifano le divise,come i Grillini.

745-800x549-500x343redipuglia2images.jpuugcartellosacrari Ho la convinzione che una festiovità-vacanza  non sia né  l’unico  né il migliore  modo  per celebrare  le ricorrenze  patrie. Che devono essere sentite  e discusse  nel profondo della cultura  e della sensibilità  nazionale. Della Grande Guerra che si portò via  la giovane gioventù  italiana e gli anziani  richiamati a dar una fattibile mano  per la vittoria finale. Di questa Guerra di mattanza si parla, si scrive  molto, adesso, per il centenario  della sua deflagrazione  di morte, nel 1914 .L’Italia che nel titanico  scontro  entrò  più tardi ,riserva gran parte  dell’attenzione per il 1915.Vorrei che di questo evento  ci si occupasse diffusamente per spiegare ai giovani  la pazzia della guerra.. Se lo si facesse bene anche nelle scuole, sarebbe  sicuramente utile. La difficoltà  sarà  nel fatto  che vi sono varie e spesso  opposte  valutazioni .. Ricordiamo che siamo, in Italia la Patria dei  criticoni.. Questa Guerra è stata la transizione  tra due stagioni storiche ,il passaggio  della Bell époque, di gloria ,di dittature. In Italia  i tempi  non mi sembrano  molto propizi per onorare  le luci  e le ombre  d’un  passato  che la Lega  consegna  al sarcasmo e al disprezzo, dei grillini che se ne fottono ; cosi la Sinistra che ha odiato sempre qualsiasi divisa militare. Che brutta questa era, insensibile a qualsiasi ricordo. Molti giovani vorrebbero  distruggere la storia del passato. Ma ricordo a loro che:

SENZA IL RICORDO DEL PASSATO , BRUTTO O BELLO CHE SIA STATO :

NON CI SARA’ MAI FUTURO