La resa..

imagesYE9FY1QY La resa  dell ‘INTELLIGENZA .Non c’è più dialettica ,la politica oscilla  tra  allineamento  e insubordinazione :non c’è conflitto   sui temi  politici  tra forze avversarie (si tirano reciprocamente merdaccia dosso e si pugnalano ai fianchi) ,ma c’è ammutinamento  all’interno  degli stessi  partiti per farsi le scarpe a vicenda, sputtanando più non  posso l’altro ,l’amico e il compagno di sempre. Oppure subordinazione addirittura al leader .A Sinistra  non si fronteggiano due visioni politiche  ma due fedeltà  a priori : alla vecchia Sinistra  o al nuovo capo vincente che ora sembra Renzi ,ma domani un’altra  “pippa del Nazareno”. Se Alfano dice NO  alle copie gay  non lo fa per opporsi  a Renzi ma perché vuole  politicamente sfruttare a suo vantaggio  le aperture omofile  nel Centrodestra. (per far capire che i politici ,specialmente i nuovi politici. Se ne fottono del Popolo . 

MA L’ASSENZA PIU’ DEPRIMENTE  DI DIALETTICA  RIGUARDA  IL DIBATTITO  CIVILE  E LA CULTURA. NON TROVATE PiIU’  UNA DFISCUSSIONE  SU TEMI DI FONDO  O LETTURE CRITICHE  DEL PRESENTE,  NON AFFIORA UNA DIVERGENZA  SUL PIANO DELLE IDEE  TRA CHI DIFENDE  QUEST’EUROPA DI (……)  E DI CHI PROPONE  DI RIPARTIRE  DALLE  IDENTITA’ NAZIONALE O ANCHE LOCALI ,tra chi difende  il nuovo capitalismo  finanziario  e chi lo subordina  agli interessi  comunitari, tra chi difende  la priorità  delle famiglie e chi  s’inchina  alle copie gay e ai trans; non c’è più una polemica culturale  tra scrittori e intellettuali,  nessun  dialogo  sui valori ,perché sono tutti politicizzati se vogliono produrre  e lavorare. Come chiamate tutto  questo ?? Disfatta  dell’intelligenza .

Non si discute ,non si critica ,non si tenta di capire .L’intelligenza  si atrofizza  o finisce ai margini ,nel pensiero  laterale, confinata  agli estremi  della semi-clandestinità. Si vive  tra Capo e coda, senza  capire  quel che sta nel mezzo.