I Centri Sociali sono usciti dalle loro tane. Anche questi sono i nuovi barbari che metteranno a ferro e fiamme la nostra città .E’ lo zoccolo duro che viene chiamato per non far rispettare la liberta e la democrazia per chi non la pensa come chi li manda e si sa da chi vengono foraggiati a dovere..

Movimenti anti-Salvini,

scontri con polizia e carabinieri 

scontri piazzale flaminio

Scontri, cariche e fumogeni a Piazzale Flaminio. I manifestanti dei Movimenti anti-Lega, scesi in piazza alla vigilia della manifestazione del Carroccio, hanno cercato di occupare Piazza del Popolo bloccando per oltre un’ora il traffico, lanciando lacrimogeni, bottiglie e petardi contro le forze dell’ordine. C’è stata una carica di alleggerimento e i manifestanti sono arretrati verso via Flaminia. Duro il commento del leader del Carroccio Matteo Salvini che oggi terrà  proprio in Piazza del Popolo il comizio contro il governo Renzi. “I disordini non ci hanno spaventato. A manifestare a Roma –  non c’erano i romani ma quattro balordi dei centri sociali che ci sono anche a Milano  che hanno occupato una chiesa a piazza del Popolo e vogliono impedire alla Lega di manifestare. Adoro chi la pensa diversamente da me, ma non chi manifesta in modo violento”.

 Attivisti: “Era un’irruzione pacifica”. È iniziata con “una pacifica irruzione” nella chiesa di Santa Maria ed è finita con identificazioni e strattonamenti da parte delle forze dell’ordine. Così gli attivisti del Coordinamento cittadino lotta per la casa,(MA CHE CAZZO CI FANNO QUELLI CHE STANNO LOTTANDO PER LA CASA ??!!) raccontano quanto avvenuto questa mattina a piazza del Popolo. “Siamo entrati nella chiesa mentre era in corso la celebrazione della messa – spiega Anthony, uno dei manifestanti – abbiamo esposto uno striscione, “Mai con Salvini mai con Renzi” e anche un manifesto “Stop sgomberi e sfrattì. Hanno chiamato le forze dell’Ordine ed è finita con strattonamenti ed una donna si è anche sentita male”. Nessuna manganellata, – raccontano ancora gli attivisti presenti – ci hanno chiesto di uscire, noi ci siamo opposti e per risposta ci hanno cominciato ad identificare. Alcuni sono stati bruscamente strattonati, per tirare una ragazza sono letteralmente passati sopra una signora, che poi è stata portata via con l’ambulanza”. Secondo quanto riferito, uno degli attivisti “sarebbe stato anche fermato dalle forze dell’Ordine e portato via”, una notizia questa che non è stata però confermata dalle forze dell’ordine presenti sul posto. Sempre stando alla versione dei manifestanti, che protestavano per difendere il diritto alla casa e al lavoro, “le forze dell’ordine, per impedire che gli attivisti si disperdessero hanno bloccato l’uscita della chiesa e hanno identificato alcuni dei presenti” spiega Anthony, I movimenti avevano dato appuntamento per oggi pomeriggio.(PERCHE’ QUESTI MOVIMENTI VANNO IN PIAZZA PROPRIO IERI E OGGI IN UNA PIAZZA CHE NON LE DOVREBBE INTERESSARE AI LORO PROBLEMI?!) In una nota hanno fatto sapere che sono determinati a impedire materialmente il comizio della Lega Nord e di Casapound. La reazione del segretario federale Salvini è composta: “Centri sociali che occupano chiese e incitano alla violenza? Mi aspetto ferme condanne da Renzi, Alfano e Marino. Intanto noi rispondiamo con la calma e con il sorriso”. Lo scrive su Facebook. “Dico grazie fin da ora alle forze dell’ordine che faranno il loro lavoro, aggiunge e domani alle 15 mi aspetto una piazza strapiena di mamme e papà, di donne e uomini che si impegnano a ricostruire un’Italia migliore, per loro e per i loro figli”.Cortei, oggi  Roma sotto assedio. Si terranno tre manifestazioni, domani, in una città che nel migliore delle ipotesi verrà messa sotto sopra. Tre manifestazioni contrapposte e una, quella leghista, che manca dalla Capitale da 14 anni. Da una parte va in scena il “Renzi a casa” organizzato da Matteo Salvini e i suoi, in piazza del Popolo, a cui non è stato dato il permesso di sfilare. Non sarà infatti preceduta da alcun corteo per motivi di ordine pubblico. Per le stesse ragioni, gli organizzatori non hanno intenzione di comunicare dove faranno arrivare i circa 200 pullman di militanti attesi da tutta Italia. Per quanto riguarda la scaletta degli interventi sul palco, è ancora in via di definizione ma è certo che, al momento, l’unico altro big leghista che Matteo Salvini vorrebbe fare intervenire dal palco sarà il governatore veneto Luca Zaia. Si tratta di un segnale molto forte in questi giorni di aspre tensioni con l’altro esponente veneto, il segretario della Liga, Flavio Tosi, il quale non farà mancare la sua presenza ma che non dovrebbe intervenire dal palco. Dovrebbero essere invece confermati il video messaggio di Marine Le Pen e gli interventi di rappresentanti di esodati, agricoltori, medici, artigiani, poliziotti e dell’associazione genitori separati. Allo stesso tempo in Campo de’ Fiori si tiene il contro-corteo dei movimenti. In campo ci saranno almeno duemila uomini delle forze dell’ordine, che saranno impegnate anche nei due sit-in dell’estrema destra, uno di Casapound e l’altro per ricordare Mikis Mantakas. Gli attivisti di Casapound, che hanno la sede nazionale in via Napoleone III (blindata per l’occasione), raggiungeranno poi piazza del Popolo per manifestare accanto alla Lega mentre l’altro sit-in del Movimento sociale “Via Ottaviano 9” si terrà in piazza Cola di Rienzo, per ricordare l’uccisione di Mikis Mantakas e anche per protestare contro il leader leghista Matteo Salvini. A questi si aggiunge il corteo dei centri sociali e degli studenti che partirà da Piazza Vittorio. Il corteo degli “spaccavetrine” attraverserà il centro storico.

Che Dio ce la mandi buona, per Roma e per chi viene a Roma pacificamente a protestare civilmente e democraticamente.

Ai barbari dei Centri Sociali ,alle tante comparse a pagamento ,spero che non “stuprano” nuovamente questa Città che non lo merita.Dico a loro che non fanno male a una parte politica che vogliono cambiare in bene la vita degli italiani ma all’altra parte di Popolo come loro che stanno subendo dal 2011 in poi  TASSE esorbitanti, IMMIGRAZIONE  clandestina ,ROM  arroganti . Un  Italia aperta  a  tutti  e alla  peggior feccia  straniera.Un Renzi sordo al richiamo del Popolo Sovrano e succube della Casta italiana e tedesca,che non vede  l’avvicinarsi del’ISIS. Senza pensare che bisogna unirci tutti perché tra poco  ci sarà la valanga JIHADISTA che ci truciderà tutti se TUTTI NOI non li RICACCEREMO IN MARE..