Poesia di Giulia Romaniello

 ·

PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE MALATTIE RARE

UNICO
Io sono raro
Io sono unico,
come pietra preziosa
gettata nell ’acqua fa rumore
disegna cerchi variopinti.
Io sono raro
Io sono unico,
duro non mi scalfirò
la mia parola sentire farò.
Io sono raro
Io sono unico,
voce in mezzo alle voci,
anima in mezzo alle anime,
persona in mezzo alle presone.
Raro di una malattia
che vorrei spazzare via,
ma unica è e sarà la vita mia,
con tutte le forze non mi farò
portare via.
Io sono raro
Unico.

Giulia Romaniello

"PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE MALATTIE RARE</p><br />
<p>UNICO<br /><br />
Io sono raro<br /><br />
Io sono unico,<br /><br />
come pietra preziosa<br /><br />
gettata nell ’acqua fa rumore<br /><br />
disegna cerchi variopinti.<br /><br />
Io sono raro<br /><br />
Io sono unico,<br /><br />
duro non mi scalfirò<br /><br />
la mia parola sentire farò.<br /><br />
Io sono raro<br /><br />
Io sono unico,<br /><br />
voce in mezzo alle voci,<br /><br />
anima in mezzo alle anime,<br /><br />
persona in mezzo alle presone.<br /><br />
Raro di una malattia<br /><br />
che vorrei spazzare via,<br /><br />
ma unica è e sarà la vita mia,<br /><br />
con tutte le forze non mi farò<br /><br />
portare via.<br /><br />
Io sono raro<br /><br />
Unico.</p><br />
<p>                              Giulia Romaniello"