IL BLOG RIMANE CHIUSO DA DOMANI 1 APRILE FINO AL 7 APRILE(ANCHE SE DOMANI E’ PESCE D’APRILE LA NOSTRA CHIUSURA E’ VERA)

Il Blog rimane chiuso dall’1  Aprile al 7 Aprile.

Riapre la mattina di Mercoledì 8 Aprile.

(abbiamo programmato per i giorni delle festività gli auguri  e  i commenti della morte e rissurezione di Gesù che vi preghiamo leggere)

1978719_901238543232041_7513501778939140662_n

A2

(gli vogliamo vedere sul prato  e non sul fuoco…)imagesHFZBMLX5

115340614-a903dc17-1116-4fc6-9d16-231ecf7c32c5
Le misteriose origini del Pesce d’Aprile

Le origini di questa tradizione sono comunque misteriose. Una delle ipotesi è che coincidesse con l’inizio dell’anno, che per molte culture coincide con l’equinozio di primavera, il 21 aprile. Inoltre, nel XVI secolo, la Francia cambiò il suo calendario in modo che il nuovo anno iniziasse a gennaio, come nel calendario romano, anziché a tarda primavera, cioè fine marzo-primi di aprile. Ma la notizia del cambiamento avrebbe tardato a diffondersi, e quindi gli abitanti delle zone rurali continuarono per un bel po’ a festeggiare il capodanno in primavera, meritandosi l’appellativo di “matti d’aprile”. Secondo Boese però, questa ipotesi “non ha alcun fondamento, perché legalmente l’inizio d’anno francese corrispondeva al giorno di Pasqua, che non ha nulla a che vedere con il Primo Aprile”.
Boese invece è convinto che la tradizione sia nata dalle antiche feste di rinnovamento nelle quali si usava travestirsi camuffando la propria identità.
Per alcuni studiosi, l’origine risalirebbe all’età classica, in particolare sia al mito di Proserpina che dopo essere stata rapita da Plutone viene cercata invano dalla madre e ingannata da una ninfa, sia alla festa pagana di Venere Verticordia.
Comunque sia, oggi in Francia, ma anche in Italia, il Primo aprile si chiama le poisson d’Avril, Pesce d’Aprile, e lo scherzo tipico è quello di attaccare una pesce di carta sulla  schiena dell’ignaro passante. ..

(NOI DA BAMBINI FACEVAMO ANCHE COSI’ . LE NOSTRE MADRI  CI TAGLIAVANO CON UNA STOFFA NERA UN PESCE ,NOI CI PASSAVAMO  IL GESSETO SOPRA E IL PESCE ATTACCATO A UN FILO  E SU UN NOSTRO POLSO,LO LANCIAVAMO  A CHI PASAVA ,RIMANENDOLE IMPRESSO NEI LORO VESTITI,IN SPECIAL MODO DIETRO LE SPALLE  LA SAGOMA DI UN PESCE BIANCO).