Se anche Venezia si sottomette all’Islam…

5014921_l41143602

Sulla messa in scena veneziana.

(una eroina.Perchè Eroe è chi sa lottare  con eccezionale coraggio e generosità fino al cosciente sacrificio di sé).Possono essere le guerrigliere curde di Mossul  che combattono casa per casa per salvare i loro figli ,la loro terra,stuprate,seviziate,tagliate la testa, soltanto perché s sono armate  contro quelle iene dell’ISIS  per un avvenire della propria famiglia e della propria nazione,queste sono le Erovine di oggi).20141029_c5_rehana

bzk4tezceaa_8bb

 

Contro chi  lottava,Valeriaimages (1),al Bataclan di Parigi? Un  esempio.Di cosa? In  cosa  è esemplare  la sua giovane vita spezzata?  (certamente dispiace che è morta una giovane,questo si,ma le ipocrisie sono un ‘altra cosa).E poi quella officiata  a Venezia  non fu una cerimonia funebre,bensì «CIVILE»valeria-7valeria-9Come ha insistito  a dire il padre  di Valeria .La celebrazione ufficiale e in  pompa magna della “sottomissionee del negazionismo”:della mattanza  parigina l’Islam non centra (130 morti e quasi 400 feriti);non è guerra né di religione, che a Bamako  ci si sia  salvata  la pelle  recitando un versetto del Corano è pura coincidenza ;ogni reazione  che non “sia un lumino” serve solo ad alimentare l’odio ;le nostre emozioni devono escludere i sentimenti l’odio;le nostre emozioni devono escludere i sentimenti di “vendetta”.La PresidentaimagesWFQQMZ6P Laura Boldrini ,ne ha così sintetizzato  (come in  tutte le cose….): «Troppi buttano benzina  sul fuoco e questa famiglia (la famiglia Solesin)dà un esempio che molti dovrebbero seguire perché abbiamo bisogno di ponti e di inclusione»  (che brava donna questa nostra Presidenta…Dama di carità di tutti i clandestini africani..)EEER2Ecco a Venezia questo si è fatto,stretta la mano  a quell’Islam  la cui vittoria  e grandezza urlavano  gli assassini di Valeria.A quello  stesso Islam  che rifiuta,spianando  i Kalanshnikov ,l’inclusione; e i ponti  li fa saltare con le cinture  esplosive.Ovviamente ,a Venezia hanno contato  la “Marsigliese”.Inno  che in queste circostanze  a me piace  molto, e che avrebbe  invece  dovuto  suonare  blasfemo alla piazza: «Aux armes,citoyens….»,altro che ponti.