Meglio restare lontano da questa Società Civile.

universita-medioevotrivio

Il semplice porsi la domanda. 

«Mio Dio:farò mica  parte della società civile ??»

Esclude categoricamente  l’appartenervi.Un po come il chiedersi:

«Oddio ,sarò mica  un intellettuale?»

Il dubbio o il semplice sospetto  esclude  l’appartenenza   a una compagnia  di giro  che ha nell’autocertificazione  referenziale l’unico titolo  per eccedervi.

quentin-metsys-il-cambiavalute-e-sua-moglie-15141van_reymerswaele_marinus_506_money_changer_and_his_wifeimagesbce08d_2dd61aa290f77439fddd32535a70cbc8

Nel senso che ci si può dire  membro della società  civile  essendo incivili  o intellettuali  anche in mancanza  di intellettoBurocrate-260x260imagesZ7QPY6OE

Ho apparentato  le due male parole  «SOCIETA’ CIVILE & INTELLETTUALE» perché quella posta  sul mercato ,quella abusata  e idolatrata  è la società  civile  di stampo gramsciano.

Per gli «inventori » ,Hobbes & Locke,la  Società Civile”  era lo “STATO”.

Poi arrivò “Rousseau” distinguendo  tra “Società  Politica & Società Civile”.

Poi “Marx”  discriminando  “l’universalità”  della prima  dal “particolarismo”  della seconda.

Infine “Gramsci”  che individuò  nella Società Civile  e in particolare  nell’Intelletuale Organico”  che ne sarebbe il bociuolo ,lo strumento  egemonizzante  dell’interra Società.

Già il fatto che i sociocivili  e gli intellettuali (per intenderci: quelli che “fanno”  ed se la “tirano”  da intellettuale ,che “millantano”  di interpretare  la volontà generale  del “POPOLO BUE”.Insomma quelli  dai calzini  e fazzoletto nel taschino a spiovente di coloro rosso.Con una caterba di giornali di sinistra sotto braccio  ,non le serve per leggerli  ma per darli al proprio portiere che ci incarta le uova di giornata delle sue galline che razzolano indisturbate nel giardinetto condominiale,poi vendersele al mercatino rionale.

“Comparse del narcisismo di massa”,”TWITTANO alla Renzi” da mattina e sera… ,per sentirsi COMUNITA’ (del nulla),firmano tutte le petizioni e manifesti  che le capitano sotto la propria penna… fanno le fiaccolate ,bruciandosi anche i polsini della giacca…,mettono i lumini ,”adorano” Saviano  e Michele Serra ,il cibo etico anche scaduto,basta che sia etnico ,anche se acquistato a Forcelle.,i film del terzo mondo,la Littizzetto e il barbuto Fazio e i babbomammi alla Verndola.

E tanto basta  loro  per dirsi «IMPEGNATI SOCIALI»

Ecco perché io ne sono stato sempre alla larga.

PREFERISCO CHE MI CHIAMINO:

«BUZZURRO E PAESANO CON LE MANI SPORCHE DI MADRE  TERRA DEI CAMPI… »Calendario_(l'aratura),_1000_circa,_miniatura,_cotton_ms._Tiberius_B._V.,_f._3r.,_Londra,_British_Library