Siamo sempre noi,agli “Arresti Virtuali” (Martedì 26 Aprile)

finestra-1

Da Aprile  2016.

Ci siamo  messi agli

“ARRESTI VIRTUALI”.

Aspettando la caduta del governo per scrivere nuovamente ,con libertà  e democrazia.

1622176_529864030461594_614054410_n-247x3001Ricordando a Renzi, che dimentica  sempre che nessuno  del Popolo Sovrano  lo ha mai votato.12963756_10156861590720327_1482506907237938923_n

All’infuori di Napoletano che le ha consegnato la chiave di Palazzo Chigi con  l’Italia e di Mattarella che ancora non lo sfratta da quel Palazzo..

998049_Fratelliditalia1

»♦«

Aneddoto:Non sanno ne sorridere né ridere

a.baa-sorridere-insieme

Lo penso sul serio:C’è gente  che non riesce a SORRIDERE,figuriamoci di RIDERE.

Si perché  la differenza tra  il “sorridere” e il “ridere” è questa. 

SORRIDERE può essere una normale  espressione  del viso  che tenta  di esprimere  un “piacere,un sentimento di affetto ,un mutamento rasserenante ,accattivante etc..

Il SORRISETTO  può anche celare  ironia, scherno, canzonatura ,compatimento ed’altro…

RIDERE, invece è una improvvisa  “esplosione   di allegria e di divertimento” che esprime un animo  pieno  di gioia ,di felicità ,di serenità.

Simulare una vera RISATA  non è cosa facile  e non c’è nulla di artefatto  di una “risata di cuore” .Non ci sono dubbi  che “sorridere e ridere” stimolano alcuni processi  biologici  che fanno star bene. Lo dicono gli scienziati ,i quali sostengono  che il “fenomeno” va  attribuito  a un maggior  afflusso  di sangue  al cervello ,all’aumento  di ossigenazione  encefalitica alla stimolazione  della secrezione  di sostanze  che vengono liberate   nelle terminazioni  nervose che si chiamano “neurotrasmettitori”.Una persona rivela la propria “depressione”innanzitutto  con l’espressione del volto(l’espressione del volto dice quasi tutto della persona). Se poi qualche volta ridono ,lo fanno soffrendo.Ci sono poi i “collerici o biliosi”,dagli occhi infossati  e dal colorito giallo terreo.

a_cristmas_carol_NCALF001983_44634374_300

Poi  ci sono gli “invidiosi,i pessimisti,i calcolatori”:Non c’è dubbio  che si tratta di soggetti  corrosi dall’animosità,dal rancore  dal livore,e che non possono attingere  alla ricchezza  spirituale  a disposizione  di ogni individuo  perché  ne sono assolutamente privi.-