La luna dietro le sbarre – 31/7/2016 “Parentopoli non morirà mai .Il brutto è soltanto che la cittadinanza non è mai al corrente.O perché legge di più La Gazzetta dello Sport o legge poco e il televisore lo addopera di più per le partite di calcio.”

finestra-1-1censura-1031543Chi lotta per la libertà e la giustizia sociale,può anche perdere. Basta che lo fa con dignità e coraggio.(G.S.)

10214711081474498_10201230127338539_706459307_n-300x1791012445872

297677_4427143239381_45526368_nBuonaEstate72282_10200457183535427_1378130075_n-300x203

BANZAILIQSOLD2_20160623192715728-770x522

A Virgì: tu ce poi nanna ,ma nuncciaddormi.Io e i miei l’avemo detto prima delle lezioni che pè dù vorte nun t’avemo dato er voto ,perchè a nostro dire nù eri all’artezza d’amministrà una Citta come Roma. “E NU LO SEI”.Ma tutti se so fatti prenne la febbre der Sabato sera e t’anno sommerso de voti forse pé dispetto della Sinistra e der Centro destra,co la Destra.. che nu esiste più…Penso che chi s’è fatto prenne dalla febbre delle 5 Stelle, se so autocastrati a voci bianche.Se lo sapemo ridì  all’anno novo… Ce volevi incantà portannote dietro er pargoletto tuo alla Sala Consijare ,come se fosse  una sala giochi pè regazzini. Ma nun ciai incantato.Noi volemo li fatti e no le carnevalate e una madre  attenta a spiega ar fijio  dove se trova… e quello che fa sumadre.Noi domani chiudemo annamo in ferie,come c’endrai tu…. “Se risentimno a Settembre .Ricordete che se te criticamo è pé costruì  e non pé parlà sortanto e daje fiato alle parole”.Ricordete che pure noi semo cittadini de Roma e pagamo ar Comune e ar nostro Municipio le Tasse e l’Irpef senza nessun ritorno dé servizi.Li Municipi nun serveno più e ce lo sapete pure Voi…Li  chiuderei tutti  e questo denaro recuperato  lo demanderei un pò all’edilizia scolastica e n’antro pò a chi ner quartiere stenta dannà avanti.Parlo dell’Italiano perché l’Africano cià tutto e dé più. Li Municipi,serveno sortanto  pé acchiappà voti sur territorio e pe fa magnà  quelli che giocheno a fà li politici de quartiere,che poi nun se vedono più dopo er voto… e se li vai a trova ar Municipio  se fanno negà….. *Pé fa un certificato basta un Compiutere abilitato  ,messo pure drento a quarche  Centro commerciale,nù serve tenè un Palazzo pé sté cosette…..*.Li Ciuttadino dé questo lo sanno ,ma preferiscono nun parlà :”Preferiscono subì in silenzio… perchè credeno che tutto e de li politici .Invece quer tutto e de li cittadini  che sudeno sangue a paga tutte queste Tasse e Barzelli,che morte vorte sò pure anticostituzionali.Ma a chi lo dici ? Se tra cani nun se mozzicheno,abbaiono solo tra de loro.Poi  finisce tutto coralmente ,ar “Piatto ricco me ce ficco…”

images2MQRHYOQ (1) 

imagesBO95ZP83-2

aula-giulio-cesare5795993-0029f60393adc51dddfaa0d54346449b9f72_MGTHUMB-INTERNA

Mariti, fidanzate e amici degli amici, la parentopoli M5S

ROMA. Il Movimento di lotta si fa di governo e i vizi della vecchia politica, che a parole si dice di voler combattere, tornano puntuali come un orologio svizzero.

Basta guardare cosa sta accadendo a Roma: non solo la rissa fra correnti, ma pure incarichi di sottogoverno distribuiti a go-go a mogli, fidanzate, portaborse. Il peggio del familismo amorale sempre denunciato dai grillini, ora applicato in Campidoglio con metodo scientifico. Antipasto del banchetto che verrà, visto che le nomine più pesanti, circa 300, a cominciare dallo staff della neosindaca, devono ancora venire.L’inizio non fa ben sperare. I primi passi dei pentastellati seguono liturgie da prima Repubblica: legami di sangue, d’amore o d’amicizia trasformati in poltrone, dunque in stipendi. Specie alla periferia dell’impero, dove è più facile sfuggire ai controlli. Accade allora nel popoloso III municipio che Giovanna Teodonio, moglie di Marcello De Vito, protegé della deputata Roberta Lombardi, il più votato in assemblea capitolina di cui è diventato presidente, venga reclutata come assessore alla Sicurezza del personale e Polizia locale. Una parentela da lei stessa rivendicata su Fb. Mentre per favorire la fidanzata del bis-consigliere comunale Enrico Stefàno si è dovuto ricorrere a un escamotage: la 27enne Veronica Mammì, uscente in VI municipio, è stata traslocata in VII, dove ha ricevuto la delega al Sociale. Uno spostamento tattico, raccontano fonti interne al Movimento, necessario per aggirare il tetto dei due mandati consecutivi. Così si salta un giro, ma si riscuote comunque un incarico, in attesa delle prossime consultazioni. Che, per la Mammì, già portaborse della deputata Daga, potrebbero essere le Politiche o le Regionali, fra un anno o due.Una strategia molto in voga fra i grillini. Alla faccia della sbandierata diversità a 5 stelle. I quali, per selezionare la classe dirigente, usano ormai lo stesso criterio degli altri partiti: la fedeltà. Alle persone che contano, prima che ai principi. Capita perciò che l’assistente alla comunicazione del deputato Enrico Baroni, Mario Podeschi, venga nominato assessore al Sociale in V municipio. Mentre l’architetto Giacomo Giujusa – consulente per le tematiche ambientali dell’onorevole Vignaroli, compagno della senatrice Taverna – conquisti la delega all’Ambiente e Lavori pubblici in XI. Con il dipendente Atac Alfredo Compagna, appena eletto presidente in XIV, a suo tempo candidato per aver condiviso i banchi di scuola con Andrea Severini, marito separato di Virginia Raggi, che proprio in quel territorio risiede. Dove è risultato eletto pure il suo avvocato, che però poi ha rinunciato.È infatti la famiglia il canale privilegiato dei 5 stelle per entrare nelle istituzioni. La prova è l’VIII municipio: in consiglio siedono Teresa Leonardi (40 preferenze) ed Eleonora Chisena (91), madre e figlia; Giuseppe Morazzano (41 voti) e Luca Morazzano (34), padre e figlio. Basta una vasta parentela, un po’ di organizzazione e il seggio è assicurato. Da declinare nella “variante Mastella”, ovvero le coppie che fanno carriera insieme. Daniele Diaco e Silvia Crescimanno erano fidanzati quando, nel 2013, approfittando della doppia preferenza di genere, divennero entrambi consiglieri in XII. Nel frattempo si sono sposati: oggi lei è presidente del municipio, lui ha preso uno scranno in Campidoglio. Dove, nello staff della neosindaca, sta perentrare Francesco Silvestri, ex collaboratore del senatore Endrizzi, già fidanzato di Ilaria Loquenzi, capo comunicazione alla Camera. In ossequi alla teoria Nugnes, verace senatrice partenopea: “Quando scegliamo il nostro esercito, i soldati devono essere fedeli”. (lapresse)

A Virgì :Pé ora, te lascio cò le bucche e la monezza  nelle strade …

buche-in-strada-causate-pioggia-roma-corruzione-appalti-manutenzione-stradale-1

Choc-a-Roma-maiali-tra-la-mondezza-dei-cassonetti-620x372monnezza-piazzale-prenestino-banner

Ma pure cò la maretta der Compidojo  che ancora nun  se sà bbene chi comanna e quanno comanna.A noi nun ce serveno  lì GIUSTIZIUALISTI a parolone.A noi c’è servono lì AMMINITRATORI  co li fatti.Fatti che  ancora nun se vedeno e nun stanno nemmeno  in cantiere. aula-giulio-cesare

Se risentimo a Settembre :Me raccomanno :Nun te fa più chiamà da certa gente…: “Bamboletta Imbambolata”.Te lo vojo di:  De questa Amministrazione e cò té in testa nun ciò tanta fiducia. *tutti NOI nun tt’avemo votato ,ne pè tè e ne pè er Movimento 5 Stelle che sembrate  li Cuginastri  delli Comunisti.Stessa Capoccia e stessi intenti.NUN  ce PIACETE,forse sete peggio de li Comunisti  rivestiti a festa…* (Cò stò giudizio  perentorio,forse se semo giocati un pajo de cento nostri lettori.Ma nun  fa ggnente. Mejo pochi intelligenti e bboni  che li giustizialisti a parolone  che nun sano mai sbrojasse de li problemi della gente e voteno  alla Camera e ar Senato ,morte volte cò li Cuginastri loro….)Spero tanto de Sbaja,pè er bene der Cittadino Romano.Ma se nun sbajo ,te chiamerò pure io B.I.A Virgì mesà che te maggnerai er Panettone ar Campidojo,ma poi arriva  l’Epifania  che tutte le feste e tutte le Raggi cò le 5 Stelle ,se le porta viaaaaa .In bocca ar lupo e lavora bene pé li romani, che te ammolleno un ber stipendione che nù ll’ha mai visto così corposo .Ricordete che hai vinto all’Otto cò stì “voti de protesta,senza  che quelli hanno capito un cazzo come stà anna er monno che ce circonna” che, morti romani se so autocastrati pè nù vota ne Rossi e ne de Destra.Ricordete che drento a questi sordi, ce so pure le lacrime de sudore de li cittadini…Non te crede che so freggnoni   nù e vero:Ar peggio se fanno fregà n’àntra  vorta sola….Ma poi sencazzeno dè brutto…..Se te ricordi come annò a finì  tanti anni fa, a quer povero  Cola dè Rienzo che da bravo,poi nun capì un cecio… e diventò Despota dè li Romani,pè nun sapé sbroja la matassa….

Cara Signora:Bon Feragosto Romano.

Se sentimo a Settembre:

“Perché NOI,  nun se famo nannà da nissuno e nun saddormimo a sentì le frescacce dé Palazzo,ne quelle sue , ne quelle der Palazzo dè Renzi.Ricordete che  avemo fatto er nodo ar fazzoletto,prima de chiude e annà in Ferie……

Ogni parola NOSTRA è un  debito che portamo a spalle  pé li Romani..Perchè NOI nun  semo SCORDARELLI ,ma Romani pure sè sò nato Burino,nipote e fijo dè Contadini e fori dè  Roma (Sant’Oreste sul Monte Sorate).Ma sò cresciuto drento a stà Città, (abitavo in  Via della Pace.. a un passo de Piazza Navona)che era un sogno;cercanno dè onoralla e rispettalla ,perché  una grande Signora  se rispetta  e nun saffossa  de Monezza  e de Puzzoni… e nun jè se lasceno le buche  sopra ar corpo, nun se manneno li Sorci grossi come un Micio pè metteje ancora più paura…. de quello che cià..Mò zozzata e spojata de tutto senza onore e senza dignità. Pè corpa de due o tre inbecilli e papponi   che cianno magnato sopra….,stuprannola pé mettese li sordi drento alle saccocce… e fa la vita bella  cò quattro zoccolone de lusso,che nun sanno nemmeno chi era Roma dè nà vorta..”Che faceva inginocchià tutto er monno…. che, pè dì sortanto ROMA. Se dovevano risciacquà la bocca tante vorte…”.-

POPOLO OK