LA STORIA BUONA O CATTIVA NON SI DISTRUGGE MAI :SE SI E’ IN UN PAESE LIBERO , DEMOCRATICO E CIVILE.-

Lettera aperta alla Presidenta Boldrini e al Politico Parlamentare  Emanuele Fiano

( Copia spedita a mezzo lettera postale ad entrambi ,nei  loro uffici romani  di competenza )

«La Storia sia essa buona o cattiva non si distrugge mai:Se si è in un Paese libero,democratico e civile».Fascista non è essere  “fascista o simpatizzante del Ventennio ” ,ma impedire con la forza  che qualcuno  lo sia.Fascista  è comprimere e come proposto  scelleratamente  e dittatorialmente dall’Onorevole Fiano  .Idee e Libertà anche se queste non  costituiscono  minaccia  concreta  alle Istituzioni  o alla Sicurezza  Pubblica.Fascista è cancellare, distruggere,come vorrebbe fare la Signora Boldrini Presidenta della Camera e 3°Istituzione dello Stato Italiano.Monumenti e architetture  che,anche nel male sono un pezzo  della Storia di questo Paese.E all’ora  se volete far scomparire  il “passato italiano”…Distruggiamo con la dinamite  quasi tutto l’EUR,il Palazzo dei Marescialli,Ponte Milvio,Foro Italico,Via dei Fori Imperiali,Via Cristoforo Colombo che dall’Eur  con un tiro di schioppo ti porta al Mare di Ostia.Etc ,etc. “ORMAI SIAMO IN UNA STRISCIANTE DITTATURA ROSSA:SI VA AVANTI A DECRETI LEGGE,FIRMATI DAL CAPO DEL GOVERNO E CONTROFIRMATI DAL CAPO DELLO STATO (FREGANDOSENE  DEL SENATO, PARLAMENTO  E POPOLO SOVRANO.La Signora Presidente Boldrini,dice un po schifata che: ci sono  persone come i “Partigiani” che si sentono a “disagio”  e “offese” quando passano sotto  i monumenti del Ventennio!!!l Signora Boldrini:dove sono i “veri  partigiani” che hanno combattuto  per l’onore italiano? “Vedo iscritti giovanissimi e di sinistra  che, molti non hanno fatto nemmeno  il militare e non hanno letto una riga storica del ventennio,ma prendono sovvenzioni dello Stato..Cosa devono dire i veri italiani quando Voi ancora vi beate a parlare  dei “macellai” Stalin,Castro,a mettere magliette con il Che  etc…  Questi Cittadini, si schifano  nel passare  nelle vie e nelle piazze intestate  a quel “fucilatore” di soldati italiani nella guerra di Spagna e di Russia  che, si chiamava Palmiro Togliatti.Sentendosi più Cittadino Sovietico  che Comunista Italiano.Cara Presidenta: Quando parla a nome dei Partigiani,insulta anche la “memoria  di tanti morti  negli eccidi  perpetrati dai Comunisti anche dopo  della fine della guerra.

L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono, persone in piedi e spazio all'apertoQUESTO E’ UN PARTIGIANO ITALIANO???!!!

Cara Signora Boldrini.Caro Signor Fiano:

«Una Democrazia  forte  non ha paura dei simboli  del passato ,non cancella e ritocca  i monumenti,non si occupa di un Signore nostalgico  che alla buona inneggia Mussolini.Non ci si infilano  gli stivaloni per coprire fatti di storia passata a colpi di dinamite istituzionale ,per farne cumuli di  calcinacci…Poi  farne una bella favoletta Pro-Comunista» 

“Signora Presidenta,per chiudere questa mia  lettera aperta:Mi permetta dissentire da lei per quello che ha detto della STAZIONE TERMINI  di Roma  che propone di abbattere anche quella ,asserendo di essere di era fascista: “La Stazione Termini  è stata inaugurata un freddo giorno del  20 Dicembre 1950. Ricordo che ci andai  lo stesso pomeriggio con i miei genitori a vedere stazione e treni ,perché già abitavo a Roma in Via della Pace,vicino a Piazza Navona”.Cordiali saluti , soprattutto:

Viva l’Italia e i veri Italiani.