In tutti i Secoli trascorsi e quelli che verranno. Per il Popolo la Vita non è stata, non è, e non sarà mai una bella favola, che vissero felici e contenti. Il Popolo morirà sempre di stenti ,dopo essere stato per tutta la vita perseguitato dalle tasse e dalla Casta vincente.Il Ricco e la Casta campa sempre sopra gli stenti del Popolo che per prenderlo per il sedere ,pur sapendo che è Pecora e Bue.Lo chiama “Popolo Sovrano..” .Queste canzoni sono state scritte e cantate in secoli diversi.Ma per il Popolo Percora e Bue:”Non è cambiato nulla. Credo che sia peggiorato tutto..”.

Nun je da’ retta Roma che t’hanno cojonato
‘Sto morto a pennolone è morto suicidato
Se invece poi te dicheno che un morto s’è ammazzato
Allora è segno certo che l’hanno assassinato.
Vojo cantà così, fior de prato…
Che fai, nun me risponni? Me canti ‘no stornello?
Lo vedi chi è er padrone, insorgi, pia er cortello!
Vojo canta così, fiorin fiorello…
Annamo, daje Roma! Chi se fa pecorone
Er lupo se lo magna… Abbasta uno scossone!
Vojo cantà – vabbè – fior de limone…
E’ inutile che provochi, a me nun me ce freghi
La gatta presciolosa fece li fiji ciechi
Sei troppo sbarajone, co’ te nun me ce metto
Io batto n’artra strada, io c’ho pazienza, aspetto…Vojo canta così, fior de mughetto…
*
Palummella zompa e vola
addó sta nennélla mia…
Non fermarte pe’ la via
vola, zompa a chella llá…Cu ‘e scelle, la saluta…
falle festa, falle festa
attuorno attuorno…
e ll’hê ‘a dí ca, notte e ghiuorno,
io stó’ sempe, io stó’ sempe a suspirá…Palummella, vola vola
a la rosa de ‘sto core…
Non ce sta cchiù bello sciore
che t’avesse da piacé…‘A ll’addore, ca tu siente…
‘a chill’uocchie, ‘a chill’uocchie,
‘a chillo riso…
credarraje,
ca, ‘mparaviso,
tu si’ ghiuta… tu si’ ghiuta…
oje palummé’!A lu labbro curallino,
palummé’ va’ zompa e vola…
‘ncopp’a chillo te cunzola
e maje cchiù non te partí!…

Ma si vide ca s’addorme…
e te vène, e te vène,
lo tantillo…
tu ll’azzecca
no vasillo…
e pe’ me, e pe’ me,
n’auto porzí!

*

Paese mio che stai sulla collina
Disteso come un vecchio addormentato;
La noia
l’abbandono
il niente
Son la tua malattia Paese mio ti lascio
io vado viaChe sara
che sara
che sara
Che sara
della mia vita
chi lo sa!
So far tutto o forse niente
da domani si vedra
E sara
sara quel che sara

Gli amici miei son quasi tutti via

E gli altri partiranno dopo me

Peccato
perché stavo bene in loro compagnia
Ma tutto passa
tutto se ne va

Che sarà
che sarà che sarà
Che sarà
della mia vita
chi lo sa!
Con me porto la chitarra
e se la notte piangerò
Una nenia di paese suonero

Amore mio ti bacio sulla bocca
Che fu la fonte del mio primo amore

Ti do appuntamento
come quando non lo so

Ma so soltanto che ritornerò

Che sarà
che sarà
che sarà
Che sarà
della mia vita
chi lo sa!
Con me porto la chitarra
e se la notte piangero
Una nenia di paese suonero

Che sarà
che sarà
che sarà
Che sarà
della mia vita
chi lo sa!
So far tutto o forse niente
da domani si vedra
E sarà
sarà.-

*

 Il Potere Dei Più Buoni (cantata da Gabel1990)

La mia vita di ogni giorno
è preoccuparmi di ciò che ho intorno
sono sensibile ed umano
probabilmente sono il più buono
ho dentro il cuore un affetto veroper i bambini del mondo intero
ogni tragedia nazionale
è il mio terreno naturale
perché dovunque c’è sofferenza
sento la voce della mia coscienza.Penso ad un popolo multirazziale
ad uno stato molto solidale
che stanzi fondi in abbondanza
perché il mio motto è l’accoglienza
penso al disagio degli albanesi
dei marocchini, dei senegalesi
bisogna dare appartamenti
ai clandestini e anche ai parenti
e per gli zingari degli albergoni
coi frigobar e le televisioni.
E’ il potere dei più buoni
è il potere dei più buoni
son già iscritto a più di mille associazioni
è il potere dei più buoni
e organizzo dovunque manifestazioni.E’ il potere dei più buoni
è il potere dei più buoni
è il potere… dei più buoni…

La mia vita di ogni giorno
è preoccuparmi per ciò che ho intorno
ho una passione travolgente
per gli animali e per l’ambiente
penso alle vipere sempre più rare
e anche al rispetto per le zanzare
in questi tempi così immorali
io penso agli habitat naturali
penso alla cosa più importante
che è abbracciare le piante.

Penso al recupero dei criminali
delle puttane e dei transessuali
penso ai giovani emarginati
al tempo libero dei carcerati
penso alle nuove povertà
che danno molta visibilità
penso che è bello sentirsi buoni
usando i soldi degli italiani.

E’ il potere dei più buoni
è il potere dei più buoni
costruito sulle tragedie e sulle frustrazioni
è il potere dei più buoni
che un domani può venir buono
per le elezioni.
E’ il potere dei più buoni
è il potere dei più buoni
è il potere… dei più buoni…

*

A Il Cairo non lo sanno che ore sono adesso
Il sole sulla Rambla oggi non è lo stesso
In Francia c’è un concerto
la gente si diverte
Qualcuno canta forte
Qualcuno grida a morte
A Londra piove sempre ma oggi non fa male
Il cielo non fa sconti neanche a un funerale
A Nizza il mare è rosso di fuochi e di vergogna
Di gente sull’asfalto e sangue nella fogna 
E questo corpo enorme che noi chiamiamo Terra
Ferito nei suoi organi dall’Asia all’Inghilterra
Galassie di persone disperse nello spazio
Ma quello più importante è lo spazio di un abbraccio
Di madri senza figli, di figli senza padri
Di volti illuminati come muri senza quadri
Minuti di silenzio spezzati da una voce
Non mi avete fatto niente
Non mi avete fatto niente
Non mi avete tolto niente
Questa è la mia vita che va avanti
Oltre tutto, oltre la gente
Non mi avete fatto niente
Non avete avuto niente
Perché tutto va oltre le vostre inutili guerre
C’è chi si fa la croce
E chi prega sui tappeti
Le chiese e le moschee
l’Imàm e tutti i preti
Ingressi separati della stessa casa
Miliardi di persone che sperano in qualcosa
Braccia senza mani
Facce senza nomi
Scambiamoci la pelle
In fondo siamo umani
Perché la nostra vita non è un punto di vista
E non esiste bomba pacifista
Non mi avete fatto niente
Non mi avete tolto niente
Questa è la mia vita che va avanti
Oltre tutto, oltre la gente
Non mi avete fatto niente
Non avete avuto niente
Perché tutto va oltre le vostre inutili guerre
Le vostre inutili guerre
Cadranno i grattaceli
E le metropolitane
I muri di contrasto alzati per il pane
Ma contro ogni terrore che ostacola il cammino
Il mondo si rialza
Col sorriso di un bambino 
Col sorriso di un bambino 
Col sorriso di un bambino 
Non mi avete fatto niente
Non avete avuto niente
Perché tutto va oltre le vostre inutili guerre
Non mi avete fatto niente
Le vostre inutili guerre
Non mi avete tolto niente
Le vostre inutili guerre
Non mi avete fatto niente
Le vostre inutili guerre
Non avete avuto niente
Le vostre inutili guerre
Sono consapevole che tutto più non torna
La felicità volava
Come vola via una bolla

 

 

 

 

Precedente Chi siamo dal 2005. Successivo Cosa le serve il partito se ormai sono tutti "sparigliati".Con il pugnale sotto il mantello? Questi non servono più all'Italia. Loro ancora non capiscono .Sono come gli zombi: morti viventi..della politichetta italiana, sottomessi ai papaveri dell'U.E..